lunedì 16 giugno 2014

"Kebab" di vitello e agnello con salsa Tzatziki - Soutzoukakia Wrapped in Caul (Seftalies)


Era da un pezzo che volevo provare questa ricetta greca, tratta da Greek Cuisine di Vefa Alexiadou, che propone un mix tra le carni di vitello e di agnello.
Certo, per fare le cose "by the book" avrei avuto bisogno della rete di agnello o di qualsiasi altro animale, ma quella oramai non si trova più tanto facilmente. Ho pensato allora di realizzare delle polpette, aggiungendo
all'impasto un po' più pangrattato; in mancanza di un barbecue poi, ho deciso di cuocerle sotto al grill, e di proteggerle dal calore eccessivo rotolandole nella mollica saporita che uso di solito per gli Involtini alla Messinese. Il risultato è stato di tutto rispetto, e l'accompagnamento con la salsa Tzatziki è la morte loro! :-) Anche una fresca insalata di pomodori insaporita con un pizzico di origano ci sta benissimo.

Non sapevo come tradurre il nome della ricetta in italiano, il succedaneo migliore che mi è venuto è stato Kebab, anche se non è un kebab vero e proprio. In ogni caso sono davvero buonissime.

Soutzoukakia (Seftalies) - "Kebab" di vitello e agnello con salsa Tzatziki
Da: Vefa Alexadiou - Greek Cuisine - VA Editions

Per 6 persone:

450 g polpa di agnello macinata
450 g polpa di vitello macinata
150 g cipolla tritata
2 uova leggermente sbattute
50 g di pangrattato
20 g prezzemolo finemente tritato
1 spicchio d'aglio privato del germoglio interno e grattugiato (facoltativo)
1 cucchiaino di origano
1/2 cucchiaino di pimento (pepe garofanato) macinato al momento (oppure altrettanta menta secca)
Sale
Pepe di mulinello
2 grandi reti di agnello (=omenti) (oppure budelli per insaccare le salsicce)
2 peperoni lunghi verdi, della varietà dolce, tagliati a pezzetti.

Per la salsa Tzatziki:
500 g di yogurt greco
1 cetriolo, sbucciato e tritato
3-4 spicchi d'aglio, pelati e schiacciati
1/2 cucchiaino di sale
3-4 cucchiai di olio extravergine di oliva
3 cucchiai di erba cipollina tritata per guarnire (facoltativa)

Preparare la salsa Tzatziki: foderare un colino con garza da cucina, appoggiarlo a una ciotola e versarvi lo yogurt, facendolo scolare per circa 2 ore (tenete da parte il siero, mercoledì vi dico come usarlo).
Trasferirlo quindi in un'altra ciotola e mescolarvi tutti gli altri ingredienti. Assaggiare e regolare di sale, poi coprire con pellicola trasparente e lasciare in frigorifero per almeno 2 ore, o fino al momento di servirla. Eliminare a questo punto gli spicchi d'aglio e guarnire, se lo si desidera, con erba cipollina tritata e/o rapanelli intagliati.

Preparare i salsicciotti: Impastare in una ciotola le due carni, la cipolla, l'aglio, il prezzemolo, le uova, il pangrattato, il sale e le spezie, ottenendo un impasto morbido.
(Io non ho trovato la rete, né di agnello, né di maiale; ho deciso quindi di aggiungere più pangrattato per ottenere delle polpette più consistenti. Indubbiamente, nella forma di salsicce sono più gustose.)
Lavare le reti di agnello in acqua fredda e un po' di aceto, allargarli sul piano di lavoro e tagliarle in tanti pezzi quanti saranno i "salsicciotti" che si intendono fare.
Suddividere l'impasto di carne in 6 parti uguali e ricavarne altrettante polpette cilindriche; avvolgere ciascuna in un pezzo di rete.

A questo punto della preparazione, i salsicciotti possono essere riposti in frigo per una notte, oppure nel congelatore per essere cotti più avanti.

Infilzare i salsicciotti negli spiedini in metallo o di legno, inframezzandoli con pezzetti di peperone dolce.
Cuocerli sul barbecue (io sotto il grill) per 15-20 minuti, finché la carne risulti cotta.
Servirli immediatamente, accompagnandoli con salsa Tzatziki.

(Siccome non ho trovato la rete e ho fatto delle polpette più sode, ho pensato di proteggerle dal calore del grill - dove le ho cotte, per imitare il barbecue - di passarle in un po' di mollica insaporita.)


3 commenti:

  1. ...Bruscia....mi sei "sfuggita" quando sei stata qui a Catania...ma se dovessi ricapitare da queste parti e dovessimo condividere la stessa tavola...ti prego...fammi provare questa meraviglia!!!!!

    RispondiElimina
  2. Non so che pagherei per assaggiare questa meraviglia!!! Sei brava oltre ogni misura!

    RispondiElimina
  3. Fra poco più di un mese andrò a Istanbul per una settimana: inizio ad abituarmi al cibo preparando questa tua deliziosa ricetta!
    :*

    RispondiElimina

Nella Apple Pie c'è posto per tutti... tranne i maleducati! ;-)